La defibrillazione sul territorio:

chiunque può salvare una vita

 

Il progetto

La città di Corinaldo conta circa 5000 abitanti, la statistica ci dice che mediamente cinque personale l'anno sono colpite da morte cardiaca improvvisa. Molte di queste vite potrebbero essere salvate solo se una rilevante fascia della popolazione fosse formata alle tecniche del bls d (rianimazione cardiopolmonare e defibrillazione nell'adulto) e se vi fossero dei defibrillatori a disposizione.

Il progetto intende dotare alcuni punti rilevanti (di maggiore aggregazione) della città di defibrillatori, formare la popolazione alla rianimazione cardiopolmonare focalizzandosi sulle scuole e sui centri di aggregazione giovanile e per anziani, promuovere di conseguenza il volontariato rivolgendosi soprattutto ai giovani e agli anziani. Ultimato il progetto le probabilità di salvare delle vite umane sarà aumentata notevolmente. Nella popolazione sarà diffusa la cultura del soccorso nella popolazione. Soprattutto verranno avviati all'attività di volontariato tutti coloro che daranno la loro disponibilità.

Il Problema / l'esigenza
L'analisi delle statistiche nazionali sull'incidenza della morte cardiaca improvvisa e sull'efficacia della defibrillazione precoce mostra chiaramente che la patologia ha un'incidenza sempre crescente. La morte cardiaca improvvisa colpisce mediamente una persona ogni 1000 abitanti l'anno. L'85% di queste persone potrebbero essere salvate.


Se confrontiamo le statistiche italiane con quelle statunitensi notiamo che in Italia riusciamo a salvare circa il 7% delle persone colpite da morte cardiaca improvvisa mentre negli Stati Uniti arriviamo al 30%. Il progetto intende creare la cultura del soccorso e della defibrillazione nella popolazione ed innalzare di conseguenza la percentuale di vite salvate.
Il Comune di Corinaldo tra l'altro presenta situazioni di disagio giovanile che potrebbero essere in parte risolte coinvolgendo il più alto numero possibile di persone in esperienze di volontariato, l'esperienza ci insegna che i corsi di formazione sono un ottimo strumento per convincere soprattutto i giovani a fare un'esperienza di volontariato in associazione per trovare nuovi volontar
i.

In Italia dobbiamo recuperare un ritardo di almeno 20 anni rispetto agli Stati Uniti. La defibrillazione precoce sul territorio non è ancora attuata se non dalle ambulanze del 118. Pochi sono stati i progetti sperimentali attuati. Il progetto presentato vuole invece essere di tipo strutturale, una sorta di progetto a lungo termine basato sulla formazione di vaste fasce della popolazione, sulla creazione della cultura del soccorso e sulla messa a disposizione nei punti di maggiore aggregazione di defibrillatori.


Organizzazione proponente Pubblica Assistenza AVIS CORINALDO
Coordinatore del Progetto Riccardo B. (consigliere P.A. AVIS CORINALDO)
Referente Amministrativo Rosanna P. (Vice Presidente P.A. AVIS CORINALDO)
Ambito territoriale Comune di Corinaldo